FINE DI UN RAPPORTO DI COPPIA

FINE DI UN RAPPORTO DI COPPIA:
E ADESSO COSA FARO’? COSA SUCCEDERA’?

Perché una storia di coppia finisce, un amore muore, un matrimonio finisce?
Si possono cercare molte spiegazioni e trovare molte griglie di lettura: ma è importante capire , è rilevante – per apprendere dall’esperienza – analizzare alcune ipotesi di ricerca dell’evento “separazione”…
La separazione fa soffrire tanto: implica il riemergere faticoso di un’identità che non è più quella doppia che conoscevamo. Ma questo dolore ci fa riscoprire dopo tanto tempo… noi stessi!
Un amore che finisce è una delle più grandi delusioni che si possano vivere, specialmente per chi viene abbandonato. Ma si prova grande tristezza anche quando ci si accorge di non amare più la persona che si ha vicino. Tuttavia quando le storie finiscono viviamo un’esperienza fondamentale: scopriamo che dobbiamo fare i conti con noi stessi.

Le fasi della perdita
Il medico psichiatra Elizabeth Kubler-Ross si interessò a lungo del percorso che viene intrapreso quando si elabora un lutto, e per molti versi questo percorso è analogo a quello che ogni persona intraprende quando una relazione amorosa finisce:

1)fase di negazione:
ci si rifiuta di accettare l’amara verità e la nostra psiche ci protegge dal vedere che quello che avevamo costruito con il nostro amato/amata finora, è svanito. I sogni, i progetti, le aspettative che il nostro partner rappresentava, vengono di colpo cancellate e ci si chiede come sia possibile che quello che avevamo costruito insieme finora sia crollato irrimediabilmente. Sopratutto durante questa fase, è necessario accettare che nella vita nulla è certo e che si può far ordine solo con il disordine. Così come durante il cambio di stagione, mettiamo in ordine nel nostro disordinato armadio, cosi dopo un periodo nella nostra vita particolarmente disorientato, tornerà la stabilità.

2)fase della rabbia:
La fase della negazione può durare alcuni minuti o alcuni giorni e viene seguita da quella della rabbia in cui invece si realizza quanto accaduto e un’ energia oscura e minacciosa ci pervade, che deriva dal senso di abbandono percepito. La rabbia può essere diretta verso il nostro partner, verso le persone che ci circondano e verso noi stessi, colpevolizzandoci per non aver capito, per aver sbagliato, dimenticandoci che spesso vediamo nell’altro ciò che noi stessi vogliamo vedere. Cosa si può fare per superare questa fase? Scrivere. Scrivere di tutta l’ira che proviamo, da dove deriva e perché. Dobbiamo buttar fuori la rabbia che ci attanaglia, permettendo di distaccarcene.

3)fase del patteggiamento
della riparazione. Ci si chiede cosa avremmo potuto e cosa potremmo fare per riparare la situazione. I “se avessi fatto…”, “se mi fossi comportato/a…” diventano i tarli che ci perseguitano.

4)fase della depressione:
del dolore che ci avvolge e che non ci lascia possibilità, se non quella di arrenderci ad esso, aspettando che passi. Il dolore non si può guarire ma va lasciato scorrere e spesso in questa fase si tende ad ignorarlo, pensando che in questo modo svanisca più velocemente. Si evita di pensare a lui/ lei, si evitano i posti che ci legano alla nostra storia, ci si butta a capofitto nelle attività quotidiane, ma in realtà più evitiamo, più rimaniamo legati, perché proprio evitando qualcosa ci ricordiamo che essa è sempre lì. E’ solo cominciando a soffrire che si smetterà di farlo. È questa la fase in cui dobbiamo ricordarci ciò che c’era di bello nella nostra storia, gli episodi che ci hanno fatto piacere, i ricordi che amiamo ripercorrere. Come il cantautore Niccolò Fabi scrive “così di ogni storia ricordi solo la sua conclusione… ma in mezzo c’è tutto il resto” così anche noi dobbiamo fare pace con il nostro dolore e con i nostri ricordi.

5) la fase dell’accettazione:
in cui finalmente diveniamo l’unica persona indispensabile a noi stessi, ci apriamo a nuove esperienze e a nuovi orizzonti. La guarigione non arriva dall’oggi al domani, bisogna cercare di concentrarsi su se stessi e accettare che ci potranno essere delle ricadute, dei momenti in cui il dolore riaffiorerà. Ma come dice sempre Fabi, finalmente potremo ricominciare a “silenziosamente costruire”.

Per “costruire o ricostruire”, in molti casi, è opportuna la presenza di una guida, un Cicerone, un mentore che possa aiutare la persona ad affrontare e superare definitivamente le suddette fasi, o steps che caratterizzano la sofferenza dopo la fine del rapporto.

Articolo pubblicato da:

Dr.ssa Nicole Gisarella 

Psicologa Psicoterapeuta

 

Per informazioni e contatti: 

info@psicologoaltelefono.it

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *